sabato 22 gennaio 2011

Tutti vogliono essere d'Artagnan


Immaginate una grossa biblioteca dove esistono tutti i libri scritti fino ad oggi. Ma proprio tutti. Immaginate che si possa entrare in ogni libro. Si puo entrare ne "I Tre Moschettieri" e combattere al fianco di d'Artagnan, in "Moby Dick", "Guerra e Pace" fate voi....ok, avrei esempi da portartvi anche con la letteratura erotica ma di questo ne discutiamo un'altra volta.

Poi, in un sotterraneo della gigantesca biblioteca, c'è un altro reparto ed è molto grande anch'esso. 
E' il piano dei racconti mai pubblicati, dei personaggi che non hanno mai avuto luce, alcuni spunti, racconti iniziati e mai finiti, moltissime pagine e forse interi libri abbandonati dai propri autori. 
Incontro spesso questi personaggi qui a Colaneve. Incontro gli INCOMPLETI.
Molti ormai rassegnati mi guardano delusi e scuotono la testa. Persi.
Altri invece non nascondo la loro curiosità, la loro speranza e la loro determinazione. Ci credono
Altri velatamente tentano di riciclarsi e mi chiedono se per caso "lassù" serve un personaggio che sappia fare il detective, il cameriere, l'autista, il maggiordomo...oppure qualcuno che si accontenterebbe di fare la vittima di un libro giallo che muore dopo una ventina di pagine pur di elevarsi allo stato di "personaggio pubblicato".Opportunisti

A pochi piace vivere nell'anonimato. A pochissimi piace vivere grazie alle proprie capacità. Vogliono essere tutti D'Artagnan.

Seduto su una panchina dei Giardini incontro queste persone. Mi lascio trasportare dalla loro voglia di raccontarsi, mi lascio convolgere dalle loro storie. A volte le vedo. A volte vorrei scappare. A volte le invidio.

Aspetto sempre che arrivi sera per tornare a casa e mettermi a scrivere finalmente il mio libro. Ma il giorno sembra non finire mai e io ogni volta che inizia una storia ne rimango rapito.

Mi perdo, ci credo o aspetto solo un'occasione buona?

3 commenti:

  1. Portati a casa chi cavolo vuoi anche il morto opportunista se ti va, ma cerca di rincasare prima la sera...perchè è ora di mettersi a fare le cose sul serio.. ;D

    RispondiElimina
  2. Se te lo domandi il momento è buono per iniziare.
    Allora, resta seduto dove sei, chiudi gli occhi e ascolta... Ascolta le migliaia di voci, le infinite storie che si raccontano. E ascolta te stesso. In quel mare di suoni e immagini che si confondono gli uni con le altre una voce più delle altre catturerà la tua attenzione. Seguila. Ti porterà verso immagini più nitide, profumi e colori che ti emozionano. Ti senti bene, come se improvvisamente la tua mente si rischiarasse. Limpida, aperta. E' lei, è la tua storia. E' solo l'inizio, ma un buon inizio.
    Ora apri gli occhi, sei pronto a dare il via :)

    RispondiElimina
  3. La biblioteca del Sogno (cit. Sandman, Neil Gaiman) è la più nutrita che si possa immaginare. A me piace proprio per questo: perché resta nel sogno.

    RispondiElimina